Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Isis, arresti "congelati" a Torino: tre dei cinque indagati ricorrono in Cassazione

Tre dei cinque studenti tunisini indagati per terrorismo internazionale e di cui non è stato possibile l'arresto per motivi procedurali faranno ricorso in Cassazione. Ad annunciarlo sono i loro difensori, gli avvocati Sara Baldini e Massimo Parenti del Foro di Pisa. I giovani sono indagati per terrorismo internazionale e sono sospettati di avere formato in Italia un gruppo collegato all'Isis. La Procura di Torino ha ottenuto a loro carico cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere.
Torino, sospettati di essere legati all'Isis ma non possono essere arrestati
Tre di loro si trovano agli arresti domiciliari per droga. Gli altri due invece sono liberi, uno è già stato espulso nel 2016. La Procura di Torino aveva chiesto gli arresti il 17 maggio, ma il giudice per le indagini preliminari, il 21 giugno, aveva respinto l'istanza. Il pm Andrea Padalino ha fatto ricorso al tribunale del Riesame del Piemonte, che nei giorni scorsi gli ha dato ragione. L'ordinanza dei giudici, però, non è esecutiva perché gli indagati, come hanno deciso di fare, hanno a norma di legge dieci giorni di tempo ( quando a decidere è il Riesame) per ricorrere in Cassazione.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Декабрь 2019    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031