Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Torino, condannato a 11 mesi il prof che chiese sesso a una studentessa in cambio della laurea con lode

Torino, condannato a 11 mesi il prof che chiese sesso a una studentessa in cambio della laurea con lode

Condannato a 11 mesi di carcere Luca Sgarbi, il professore associato di Diritto del lavoro all'università di Torino imputato, in giudizio abbreviato, di tentata concussione ai danni di una studentessa e di detenzine di materiale pedopornografico. Il giudice per l'udienza preliminare ha ridotto di oltre due anni la pena chiesta dal pm, Gianfranco Colace, ma ha aggiunto l'interdizione dai pubblici uffici per un anno. L'uomo era stato arrestato l'11 novembre 2016 con l'accusa di aver chiesto favori sessuali e foto hard a un'allieva in cambio di una laurea con il massimo dei voti.
In particolare, la studentessa aveva denunciato il suo professore e relatore di tesi perché turbata dal tenore dei messaggi in chat che Sgarbi le aveva mandato l'estate scorsa, poco prima della discussione. Lo aveva denunciato prima al garante interno dell'università torinese e poi in procura. Non sarebbe stata la sola, secondo l'accusa, ad aver subito un approccio "poco consono" per un docente: anche altre ragazze avrebbero ricevuto attenzioni, segno di un atteggiamento un po' troppo disinvolto da parte del docente. Ma sarebbe comunque l'unica ad essere stata vittima di un comportamento illecito tanto da configurare un'ipotesi di reato.
In udienza Sgarbi, difeso dall'avvocato Mauro Ronco, aveva respinto ogni accusa e aveva spiegato che si era trattato di "semplice infatuazione". Lo stesso perito del giudice aveva aggiunto che il professore nel momento in cui ha commesso il fatto era seminfermo di mente. La giovane vittima era stata risarcita all'apertura del processo e per questo non si è costituita parte civile. "È una pena mite, che riflette la scarsa gravità del fatto - dice l'avvocato Simona Grabbi, che con il collega Ronco difende il professore - Non si è strattato comunque di un ricatto. Leggeremo le motivazioni e valuteremo se fare ricorso". Resta da capire cosa deciderà ora l'università, che all'inizio della vicenda aveva sospeso il professore annunciando il massimo rigore.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Ноябрь 2017    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930