Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Foggia, condannato a tre anni e sei mesi per omicidio stradale: non si ferm? per il soccorso

Foggia, condannato a tre anni e sei mesi per omicidio stradale: non si ferm? per il soccorso

FOGGIA - E' stato condannato a tre anni e sei mesi di reclusione per omicidio stradale, Ciro Gabriele Corvino, il ventenne che la notte del 20 novembre dello scorso anno a Foggia, travolse e uccise la 25enne Luigia Campanaro. La sentenza di primo grado è stata emessa dopo il rito abbreviato, dinanzi al Gup del Tribunale foggiano, Domenico Zeno.
Il giovane foggiano è stato condannato al pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno alle parti civili, oltre alla revoca della patente di guida. In aula non era presente l'imputato, che un anno fa alla guida di una Opel Zafira, travolse la coppia di fidanzati, senza poi fermarsi e prestare soccorso. Il 20enne venne arrestato immediatamente dopo l'investimento. A metà dicembre ottenne i domiciliari per poi tornare in liberà a luglio scorso.
Nel processo si sono costituiti parte civile i genitori della vittima e il fidanzato Agostino Braccio, anche lui investito e rimasto ferito, assistiti dagli avvocati Danila Fantasia e Luigi Miranda. Il pubblico ministero Ileana Ramundo, nella sua requisitoria aveva chiesto 6 anni di reclusione. La famiglia ha ascoltato la lettura della sentenza: "Abbiamo sempre invocato giustizia e non vendetta - hanno dichiarato i genitori, il fratello ed il fidanzato Agostino - niente e nessuno riporterà indietro le lancette dell'orologio per restituirci il sorriso e l'amore di Luigia, che non è assente dalle nostre vite. Ci auguriamo che questa sentenza sia da monito a chiunque si metta alla guida senza prestare la dovuta attenzione".
Stando alla ricostruzione di quella sera, Corvino era a bordo di una Opel Zafira quando schivò un veicolo parcheggiato in doppia fila travolgendo i due fidanzati che si stavano recando verso la propria autovettura, dopo aver trascorso una serata in un locale di via Gramsci. Il 20enne non fermò la propria corsa, al contrario proseguì a fortissima velocità. Tornò sul luogo della tragedia soltanto dopo aver raccontato l'accaduto al padre.
lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    Сентябрь 2020    »
ПнВтСрЧтПтСбВс
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930