Autorizzazione

 
  •  Morto il famoso astronomo ucraino, Klim Churyumov 
  •  Nella galassia c'è anche il "terzo incomodo" 
  •  Pubblicato il progetto del comunicato finale del vertice del G20 
  •  A Kiev, stanziati 40 milioni di dollari per l'installazione dei contatori di calore nei condomini 

Sorveglianza dei servizi segreti on line contrasta le norme del diritto internazionale

La sorveglianza di massa degli utenti di Internet effettuata dai servizi segreti di tutto il mondo, minaccia il diritto alla privacy. Questo ? indicato nel materiale di Ben Emmerson, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla protezione dei diritti umani nelle condizioni della lotta al terrorismo. Il rapporto di 22 pagine, pubblicato Mercoled?, ? una risposta ai materiali compromettenti, presentati l'anno scorso da Edvard Snowden, l'ex dipendente della NSA  americana. Come risulta dal documento rilasciato da Emmerson, i programmi di sorveglianza "sono una sfida diretta alle norme vigenti del diritto internazionale." "Dicono che la tecnologia di sorveglianza di massa ? in grado di prevenire gli attacchi terroristici e potrebbe aiutare a catturare i loro esecutori. Ma se vogliamo rispettare i diritti  umani, questo giustificazione di per s? questo non ? sufficiente per l'utilizzo dei programmi sorveglianza,   dice il rapporto. Inoltre, Emmerson nega il fatto che tutte le informazioni di Internet automaticamente diventano pubbliche. "Internet non ? uno spazio completamente pubblico. ? composto di molti strati, sia privati che pubblici,." - si dice nel testo. "Gli Stati dovrebbero rivedere la legislazione nazionale che disciplina le norme moderne di monitoraggio on line. Questo potr? garantire la conformit?  di tali pratiche al diritto internazionale in materia di diritti umani," :  sottolinea B.Emmerson.

lascia un commento
Video del giorno
Notizie
  • Ultimo
  • Leggere
  • Commentate
Calendario Materiali
«    December 2016    »
MonTueWedThuFriSatSun
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031